Maestria. Cura.
Personalizzazione.

Ridisegniamo spazi e ambienti attraverso elementi nuovi, che prendono vita da una lavorazione consapevole ed artigianale del ferro. Marchea è minimalismo nel voler dire tutto con pochi segni.
È la funzione che non prescinde dalla propria essenza.

Il saper fare di 4 generazioni, la competenza del nostro team di lavoro e la capacità esecutiva, ci permettono di essere un partner capace di affiancarvi e realizzare tutto il processo:

  • Rilievo e studio tecnico
  • Progettazione esecutiva
  • Produzione
  • Montaggio
  • Post vendita

Bozze di matita, idee, visione.

Confronto e collaborazioni con professionisti del design e dell'architettura. Tutto ciò ci ha permesso di crescere professionalmente e nell'animo, trasferendo alla materia valori ed esperienza che hanno reso i progetti dei nostri clienti veri, unici e distinguibili.

Progetti che siano un segno, un luogo, elementi da scoprire, linee semplici ma espressione di una lavorazione complessa dove la qualità e la personalizzazione su misura sono in nostro punto di forza.

80 anni di storia

fine '800

Andrea D'Andrea rappresenta la prima generazione di fabbri-carpentieri.
La produzione era costituita soprattutto da carri e attrezzi agricoli.

fine 800
Anni 20

Subentra Attilio d'Andrea, che rappresenta la seconda generazione. Prosegue l'attività del padre e nel 1939 iscrive l'azienda all'Associazione Artigiani nel mandamento di Montebelluna, iscrizione tutt'oggi attiva.

anni 20
Anni 50

La terza generazione si apre con il figlio Zeffirino, che oltre all'attività già avviata intraprende anche quella di riparazione e installazione impianti termoidraulici, trasformando l'azienda in D'Andrea Attilio & Figli.

anni 50
Anni 60/70

Entra in azienda anche Giovanni, il secondo fratello, dopo aver maturato una lunga esperienza di saldatore presso la Zorzi Rimorchi di Treviso. Giovanni segue l'attività nel settore della carpenteria per la realizzazione di ringhiere, recinzioni, cancelli e strutture in genere. Nel 1976 Giovanni e Zeffirino rilevano l'azienda del padre e la trasformano in F.lli D'Andrea snc.

anni 60/70
Anni 80

Gli anni d'oro...La svolta
Giovanni struttura e specializza l'azienda stringendo importanti collaborazioni nel settore della prefabbricazione industriale, fornendo tutta la carpenteria necessaria al montaggio, trasporto e stoccaggio di prefabbricati in cemento armato. Continua anche all'attività di carpenteria generica specializzandosi nel settore del restauro e sviluppa anche un nuovo ramo d'azienda che si occupa della realizzazione e fornitura di strutture e contenitori per attrezzature edili.

anni 80
Anni 90

La 4a generazione entra in azienda con Marco D'andrea che subentra nella gestione a Zeffirino e collabora strettamente con Giovanni nella attività, iniziando a pensare e progettare anche il "Piano B", con lungimiranza e attenzione ai movimenti e agli sviluppi dei vari mercati. L'azienda si trasforma in D'Andrea snc.

Anni 90
2001

Nasce il marchio MARCHEA che rende concreto il progetto pensato negli anni precedenti con l'intento di trasformare, ma soprattutto salvare, l'azienda. Marco si getta a capofitto nel settore dell'arredo con finiture e architetture metalliche, a fatica ma con determinazione, si apre uno spazio iniziando a proporsi a progettisti, studi di architettura e designer. Il periodo coincide proprio con l'esplosione di una profonda crisi economica a livello mondiale.

2001
2015

In pochi anni il marchio Marchea diventa azienda e si pone nel mercato come uno dei più affermati in questo particolare mondo dell'arredo e architettura metallica offrendo un servizio completo dalla progettazione alla realizzazione di architetture metalliche, arredi di design, complementi e finiture d'interni e trasformando ulteriormente l'azienda in MARCHEA sas di Marco D'Andrea.

2015

Oggetti che disegnano ambienti arricchendoli di una nuova personalità.

Ho imparato ad armonizzare il suono delle lamiere sulla pressatrice e provo meraviglia ancora oggi tra le mille e indefinibili sfumature del ferro naturale.
E' incredibile come la materia sia diventata parte di me;
la cerco e la osservo in tutti i suoi contesti ed i suoi campi applicativi per coglierne ogni aspetto nell'architettura, nell'ingegneria e nell'arte.
Un design che non è pretestuoso nella forma, perché libero da contaminazioni esterne, ma lo è nel tentativo di ritrovare una storicità classica ed una dimensione temporale che va oltre l'immediatezza del quotidiano.

Ritratto